Filmedvd

Scheda del film

Ballata dell'odio e dell'amore
trailer del film
Titolo originale: Balada triste de trompeta
Genere: Drammatico
Nazione: Spagna , Francia
Anno di produzione: 2010
Data di uscita al cinema: 08/11/2012
Durata: 107 Minuti
Regia:
Interpreti:, , ,
Premi: Festival di Venezia - Leone d'Argento, Miglior Sceneggiatura
3.50/ 5

Voto Staff Filmedvd

Film considerato Da vedere
sulla base di 1 voti
2336° su 4048 in assoluto
844° su 1132 nel genere Drammatico
92° su 244 nell' anno 2010
3.60/ 5

Voto utenti Filmedvd

Film considerato Da vedere
sulla base di 5 voti
Hai visto il film? Esprimi il tuo giudizio
Illumina il numero di pizze che vuoi dare al film e cliccaci sopra.
Versione Dvd del film
Disponibilità
in 2 gg
Il nostro prezzo :
Acquista

Trama e recensione del film Ballata dell'odio e dell'amore

Spagna, 1937. L’esercito repubblicano fa irruzione in un circo e costringe i suoi membri ad arruolarsi per combattere contro i rivoluzionari. Uno dei clown, armato di machete, fa strage fra i soldati franchisti e per questo viene condannato ai lavori forzati alla Valle de los Caídos; il figlio Javier organizza un attentato per cercare di liberarlo, ma suo padre rimane ucciso. Javier cresce e diventa un clown triste…

Ballata dell'odio e dell'amoreC’è qualcosa di profondamente malinconico nell’immagine di un clown il cui sorriso è piegato in una smorfia di disperazione; così come c’è qualcosa di assolutamente spaventoso in quella di un clown con il volto deformato da un ghigno diabolico. Sono le due facce, opposte e speculari, di Javier (Carlos Areces), il “pagliaccio triste” protagonista del film “Ballata dell’odio e dell’amore”, sceneggiato e diretto dal regista basco Alex de la Iglesia, ex-allievo di Pedro Almodóvar la cui produzione è caratterizzata da un accentuato gusto per il macabro e il grottesco. Attraverso la vicenda di un clown cresciuto durante il regime franchista e confinato ai margini della società de la Iglesia sceglie di alzare il tiro, chiamando in causa quarant’anni di storia della Spagna nel suo periodo più cupo e drammatico.

Dopo un sanguinario antefatto ambientato nel 1937, nel pieno della Guerra Civile, il film ci trasporta di colpo nel 1973, al crepuscolo della dittatura di Francisco Franco, per raccontarci uno straziante melodramma incentrato su un classico triangolo di passioni: Javier, pagliaccio triste imprigionato in un corpo grassoccio e sgraziato, coltiva un amore inconfessabile per Natalia (Carolina Bang), la seducente trapezista che plana dall’alto come un angelo, la quale però è fidanzata con Sergio (Antonio de la Torre), pagliaccio allegro che dietro il cerone e le labbra rosso porpora nasconde un’indole brutale e dispotica. Il tormentato sentimento di Javier nei confronti di Natalia – un sentimento che la donna esita a ricambiare – sfocerà inevitabilmente nello scontro all’ultimo sangue fra i due clown, trasformando il film in una fantasmagorica sagra del grand-guignol caratterizzata da efferatezze di ogni tipo. Tale violenza parossistica è declinata secondo un’ottica del tutto postmoderna, che si richiama al gusto splatter tipico del cinema di Quentin Tarantino; il quale sembrerebbe aver apprezzato, dal momento che ha esageratamente ricompensato la pellicola con il Leone d’Argento al Festival di Venezia del 2010.

Quello di de la Iglesia è in realtà un cocktail in cui i più vari ingredienti sono amalgamati con una disinvoltura al limite del kitsch, e in cui il sadismo rispetto ai personaggi è mescolato ad un ferocissimo humor nero. Fra i modelli di riferimento non si possono non individuare “Lo sconosciuto” di Tod Browning e soprattutto “Batman” di Tim Burton (citato palesemente nella scena finale): i due clown assassini, con il viso deturpato e sfregiato, rievocano le “maschere” mostruose del Joker e del Pinguino. Ma l’intento del regista va ben oltre: mettendo in scena un orrore estremizzato al massimo, de la Iglesia vorrebbe alludere alle aberrazioni del potere (in una scena compare addirittura Franco in persona, al quale Javier “azzanna” la mano). Ma il parallelismo fra la parabola di Javier e la storia della Spagna rimane ad un livello piuttosto superficiale, rischiando di ridurre il film ad un esercizio di stile che può suscitare entusiasmo o irritazione, a seconda dei gusti; e in ambito di grottesco e grand-guignol su sfondo circense, un’opera come “Santa sangre” di Alejandro Jodorowsky appare assai più raffinata e suggestiva.


Voto dell'autore 3.5/5
, consultata 6311 volte
Leggi i commenti sul film Leggi i commenti sul film | lascia il tuo commento Lascia il tuo commento

Risorse correlate

Commenti

comments powered by Disqus

Navigazione nell'archivio

© 2014 FILMEDVD.IT
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
JoomSEF SEO by Artio.