Filmedvd

Scheda del film

Source code
trailer del film
Titolo originale: Source Code
Genere: Fantascienza
Nazione: U.S.A. , Francia
Anno di produzione: 2011
Data di uscita al cinema: 29/04/2011
Durata: 93 Minuti
Regia:
Interpreti:, , ,
Premi: n.d
3.84/ 5

Voto Staff Filmedvd

Film considerato Da vedere
sulla base di 5 voti
1336° su 3981 in assoluto
44° su 176 nel genere Fantascienza
49° su 274 nell' anno 2011
4.11/ 5

Voto utenti Filmedvd

Film considerato Da vedere
sulla base di 84 voti
Hai visto il film? Esprimi il tuo giudizio
Illumina il numero di pizze che vuoi dare al film e cliccaci sopra.
Versione Dvd del film
Disponibilità
in 2 gg
Il nostro prezzo :
Acquista

Trama e recensione del film Source code

Il capitano Colter Stevens ha avuto un grave incidente sul terreno di guerra. Si risveglia così in una specie di capsula, legato davanti a un monitor con una donna che cerca di spiegargli qual è la situazione e ciò che dovrà fare per risolverla. Colter sarà costretto infatti a sventare un attacco terroristico tornando indietro nel tempo, grazie all’ausilio di un nuovo programma avveniristico denominato Source Code, per rivivere innumerevoli volte la stessa vicenda fino a quando non avrà scoperto il colpevole di un attentato che ha provocato migliaia di vittime.

Source codeDove arriveranno le ricerche della tecnologia in questo mondo, dove gli umani sono più che mai vicini all’essere considerati degli automi o degli androidi prospettati per comportarsi da automi? Non saprebbe cosa pensare del resto il protagonista del film “Souce Code”, diretto da Duncan Jones: il capitano Colter Stevens, che dalla guerra porta con sé una grossa ferita, non rimarginabile, e un cervello impazzito in balia dei marchingegni e del controllo totale di macchinari progettati dallo Stato per tentare di risolvere i problemi di una diatriba infinita con il terrorismo. Se una cosa del genere fosse stata inventata in tempo probabilmente si sarebbe sventato l’attacco alle Twin Towers.

Colter, interpretato da un Jake Gyllenhaal in costante crescita attoriale, intenso e convincente come le altre volte in cui ha dovuto sostenere la responsabilità di grandi script e di grandi regie (vedi su tutti “Zodiac” e “Brokeback Mountain”), è la vittima predestinata del rivoluzionario esperimento che, come tutte le cose appena inventate, non si può totalmente controllare né tantomeno padroneggiare con disinvoltura, come invece si convince di poter fare Walter Rutledge (Jeffrey Wright, un altro attore strepitoso), mettendo a dura prova anche la pazienza della fascinosa ed apparentemente fredda e razionale Colleen Goodwin (Vera Farmiga, ora bruna e bravissima nell’esprimere le contrastanti sensazioni solo con il volto), capitano dell’Air Force One e tramite tra Colter e Walter. Ma c’è un amore in prospettiva per Colter: la bella e seducente Christina (interpretata da Michelle Monaghan), che potrà allietargli il lungo viaggio all’interno di un vasto treno che cela grandi insidie, intorno all’arduo percorso degli indizi e degli ammiccamenti, dei sobbalzi e dei dubbi, del viaggio e dei ritorni, degli andirivieni senza salite né discese, del lungo corridoio e del bagno che cela un segreto.

In mezzo a tutto ciò, all’interno di questo rocambolesco ed adrenalinico viaggio in assiduo braccetto con la morte (il film mantiene praticamente per tutta la durata una tensione pazzesca e persino anomala nel suo stratificarsi fra i sensi e le vedute di sorta), c’è lo spettacolo, più vasto rispetto a “Moon” (che pure era un notevole esordio), del giovane regista Duncan Jones, al suo secondo film, ormai sicuro innovatore della fantascienza, uno dei pochi registi autoriali che si prodigano nel cinema di genere (poco diffuso a livello mondiale). “Source Code” stratifica, ripete, dissesta, sconquassa, infierisce sugli occhi e sulla mente, ritorna su se stesso evitando di avvitarsi, poi si espande e fa il botto, esplosivo e visivo. Strizza l’occhio ad “Inception” senza stringergli la mano. Si congiunge alla claustrofobia, alla moltiplicazione dei corpi e degli elementi affine a “Moon”, ma con un occhio di riguardo al prodotto mainstream, con la differenza che nel primo caso erano stati utilizzati solo 5 milioni di dollari. Così poco da sfiorare il capolavoro.


Voto dell'autore 4.1/5
, consultata 14016 volte
Leggi i commenti sul film Leggi i commenti sul film | lascia il tuo commento Lascia il tuo commento

Risorse correlate

Legenda: Recensione musicata Recensione musicata - Disponibile trailer Trailer

Commenti

comments powered by Disqus

Navigazione nell'archivio

© 2014 FILMEDVD.IT
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
JoomSEF SEO by Artio.